DASPO URBANO, SCHLEIN: SCELTA SBAGLIATA, LA POVERTÀ NON È REATO.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COMUNICATO STAMPA

DASPO URBANO, SCHLEIN: SCELTA SBAGLIATA, LA POVERTÀ NON È REATO.

Bologna, 24 novembre 2017 – “In perfetta linea con il pessimo decreto Minniti-Orlando, anche la giunta di Bologna sceglie in questo modo di criminalizzare la povertà. Scelta sproporzionata e deprecabile, la povertà non è reato. Bisogna far prevalere il rispetto della dignità e dei bisogni primari delle persone, sopratutto se in condizioni di fragilità”.
Ad affermarlo l’europarlamentare bolognese di Possibile Elly Schlein, in merito alla decisione del Comune di Bologna di applicare il Daspo urbano ad alcuni senza tetto.
“Una scelta profondamente sbagliata che stride fortemente con la radicata tradizione di solidarietà della nostra città e che mostra un approccio al problema della povertà e del disagio sociale di stampo unicamente securitario. Per fortuna – continua Schlein – contro questa scelta si sta sollevando un dibattito acceso anche all’interno della stessa istituzione comunale. Mi auguro che l’amministrazione esca da questa incomprensibile posizione di arroccamento e riconosca di aver sbagliato, perché è evidente che i problemi legati alle povertà non possono essere risolti con un colpo di scopa, ma serve una strategia complessiva che la giunta evidentemente non intende mettere in campo.”




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •