NAVE JONIO: SCHLEIN (POSSIBILE/S&D), “DIRETTIVA SALVINI SOLO PROPAGANDA, SUBITO PORTO SICURO PER MARE JONIO”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

NAVE JONIO: SCHLEIN (POSSIBILE/S&D), “DIRETTIVA SALVINI SOLO PROPAGANDA, SUBITO PORTO SICURO PER MARE JONIO”.

Bruxelles, 19 marzo 2019 – “Salvini nel corso di una mattinata ha cambiato divisa tre volte sostituendosi prima alla guardia costiera e poi a giudici e polizia, chiedendo di sigillare il mare, poi formulando ipotesi di reato e chiedendo arresti. Qui ci chiediamo quando indosserà quella di un ministro dell’interno all’altezza del suo ruolo istituzionale.”
Ad affermarlo la europarlamentare Elly Schlein, relatrice per il gruppo dei Socialisti e Democratici della riforma del regolamento di Dublino.
“Non basterà una direttiva confezionata in fretta e furia a cancellare il diritto del mare, si indichi subito un porto sicuro per la Mare Jonio, quello di Lampedusa. Salvini ce la sta mettendo tutta per seguire le orme del suo predecessore, perché già un ministro leghista nel 2012 fece condannare l’Italia per violazione del principio di non respingimento collettivo. Basta leggere il testo della direttiva che ha emanato nelle scorse ore, per comprenderne la natura strumentale, tra un attacco al sacrosanto dovere di salvataggio e un’insinuazione sulle presunte finalità di chi salva. Un impianto retorico che abbiamo imparato a conoscere in questi mesi di governo giallo-verde, puntualmente smontato però nelle aule dei tribunali. La direttiva Salvini avrà presumibilmente la stessa sorte, non sopravviverà ai primi ricorsi. 
Una volta ancora il ministro dimostra di ritenersi al di sopra del diritto internazionale e della Costituzione su cui ha giurato. Al di là delle osservazioni sul piano giuridico l’impressione è che Salvini rinunci volutamente all’unica soluzione possibile,  quella di sostenere la nostra riforma di Dublino in Consiglio per assicurare il ricollocamento in tutta Europa, per trasformare invece ogni salvataggio in mare in uno scontro. I porti restano chiusi solo a parole, basta guardare quello che accade a Lampedusa. Reagiremo con decisione anche questa volta – conclude Schlein – con la forza del diritto e con il senso della civiltà”.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •