Skip to main content

Paolo Naso, Mediterranean Hope (FCEI): “Abbiamo dimostrato la sostenibilità dei corridoi umanitari. Ora occorre dimostrare che l’integrazione è possibile e utile, sia per i richiedenti asilo che per gli italiani”

Nell’aula Aldo Moro della sede di Bruxelles del Parlamento Europeo si è svolto ieri un’audizione sul tema della “sponsorship dei rifugiati”. Si è trattato di un panel al quale hanno partecipato, tra gli altri, Mary Coulter dell’Ambasciata canadese presso l’Unione europea; Donatella Candura, del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno italiano; Cesare Zucconi, segretario generale della Comunità di Sant’Egidio, e Paolo Naso, coordinatore di Mediterranean Hope – Programma Rifugiati e Migranti della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI). A presiedere e introdurre è stata l’europarlamentare italiana Elly Schlein (S&D), relatrice di una proposta di riforma del Regolamento di Dublino in materia di accoglienza e asilo.

 

Leggi la notizia >>

Leave a Reply