Basilicata24 – Regolamento di Dublino, “Con la riforma sistema più efficace e rispettoso dei diritti fondamentali dei richiedenti asilo”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

di 22 settembre 2018

Abbiamo intervistato la europarlamentare Elly Schlein, che ci ha raccontato il lungo lavoro svolto in questi anni per ottenere la revisione del regolamento di Dublino che «stabilisce i criteri e i meccanismi di determinazione dello Stato membro competente per l’esame di una domanda di protezione internazionale presentata in uno degli Stati membri da un cittadino di un paese terzo o da un apolide». 

[…]

Quali iniziative si potranno e si dovranno intraprendere nei prossimi mesi?

I prossimi mesi saranno cruciali per organizzare una risposta allaltezza della sfida. Le manifestazioni di Catania di fronte alla nave Diciotti e a Milano, in piazza San Babila, dimostrano che c’è grande consapevolezza dei pericoli che comporta per tutti questa deriva xenofoba e nazionalista. Ci rivediamo il 30 settembre a Milano con i Sentinelli, ANPI e Aned, sarò sul palco insieme a loro. La presenza spontanea e numerosa di tante persone è un segnale incoraggiante. Sarà un lavoro lungo, sia politico che culturale, di ricostruzione dell’argine che è venuto meno in questi anni. E serviranno il contributo e la partecipazione di tutte e tutti.

Oggi, anche per effetto della feroce polarizzazione del dibattito di cui Salvini si nutre, molte più persone si rendono conto di quanto sia alta la posta in gioco e hanno voglia di mobilitarsi per opporsi all’inumanità delle scelte del governo e costruire un’alternativa.

Una polarizzazione falsa, peraltro, quella proposta da Salvini, tra forze sovraniste ed establishment. La stessa che anche Macron sembra voler alimentare, e non ci stupisce. Ma si tratta di una polarizzazione di comodo che dobbiamo rifiutare. C’è chi non sta né con chi difende lo status quo dell’Unione di oggi, ed è responsabile delle politiche economiche e sociali che in questi anni di crisi hanno aumentato le diseguaglianze e colpito i più deboli, mancando la promessa di maggiori opportunità alle nuove generazioni. Né con chi predica la chimera del ritorno ai confini nazionali e la nostalgia del Medioevo, di fronte all’evidenza che tutte le maggiori sfide su cui ci giochiamo il futuro sono ormai europee e globali e non possono più trovare risposta entro i ristretti confini nazionali. Insomma: né con l’establishment, né coi sovranisti. Lì in mezzo c’è un terzo spazio dove siamo in tanti, e per dargli forma serve un fronte progressista ed ecologista europeo, con un progetto chiaro e una visione comune del futuro delle nostre società.

 

LEGGI TUTTA L’INTERVISTA

https://www.basilicata24.it/2018/09/regolamento-dublino-la-riforma-sistema-piu-efficace-rispettoso-dei-diritti-fondamentali-dei-richiedenti-asilo-58758/

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •