DIRE – Anche Elly Schlein firma l’appello per la legge sugli affitti brevi

DIRE – Anche Elly Schlein firma l’appello per la legge sugli affitti brevi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

03 febbraio 2020

di Sara Forni

 

Continua il dibattito sulle norme ‘regola Airbnb’ dopo l’emendamento Pd ritirato per l’opposizione di Italia Viva

ROMA – Un appello diretto al Governo per chiedere che venga fatta al più presto una norma dedicata alla regolamentazione degli affitti brevi. È quello lanciato dal comitato cittadino bolognese Pensare urbano, al quale, per ora, hanno aderito quasi 80 tra associazioni, esperti del settore e anche politici, tra i quali ‘spicca’ il nome di Elly Schlein, recentemente entrata in Consiglio regionale in Emilia-Romagna con la ‘sua’ lista ‘Coraggiosa – ecologista e progressista’, facendo incetta di preferenze (oltre 22.000).

Sempre per rimanere sul territorio emiliano-romagnolo, fanno compagnia a Schlein anche Igor Taruffi, candidato della stessa lista per la circoscrizione bolognese, e i consiglieri comunali di Bologna di Coalizione civica, Federico Martelloni e Emily Clancy, oltre che a Dora Palumbo del Gruppo misto.

Considerata la rilevanza nazionale del tema sollevato da Pensare urbano, non mancano anche le adesioni ‘istituzionali’ da altre regioni. Nella lista, in aggiornamento, anche alcuni consiglieri regionali della Toscana e comunale, da Firenze a Napoli.

“Negli ultimi anni, grazie alla rete internazionale Sud Europa di fronte alla turistificazione (Set), e grazie a diverse esperienze territoriali come il comitato bolognese Pensare Urbano, i cittadini si sono mobilitati per dire basta alla speculazione e riaffermare la centralità del diritto ad una casa dignitosa”, scrive Pensare urbano nel testo dell’appello.

La richiesta di Pensare urbano è che “nel collegato alla legge di Bilancio sul turismo, una proposta di legge che i vari ministri hanno facoltà di presentare a seguito dell’approvazione del bilancio, vengano ripresi i contenuti previsti dall’emendamento ritirato auspicando, più in generale, un intervento normativo organico in materia di affitti brevi”.

E’ “difficile comprendere l’opposizione all’introduzione di poche, semplici ed efficaci norme che stabiliscano i criteri per regolamentare gli affitti brevi”, scrive Pensare urbano nell’appello, in riferimento all’emendamento, prima proposto e poi ritirato dal Partito democratico, al decreto Milleproroghe che prevedeva l’introduzione di ‘paletti’ alla gestione di Airbnb e altre piattaforme simili.

Leggi tutto l’articolo


  •  
  •  
  •  
  •  
  •