Skip to main content

La sinistra a sinistra del Pd cerca una nuova identità.
Dal 4% della Lista Tsipras (1108457 voti, europee 2014), al 3,4 di Leu e 1,1 di Potere al Popolo (politiche 2018), fino al 1,8% de La sinistra (469.943 voti, europee 2019).
In quasi sette anni è stato uno stillicidio di voti in uscita verso il Pd, il M5s oppure nel partito dell’astensione.
Ora è alla ricerca di un leader che possa mettere insieme le tante sigle, mai unite, sempre divise e lacerate: Sinistra Italiana, Articolo 1 – Mdp, Rifondazione, Possibile, Partito Comunista, Partito comunista Italiano, Potere al Popolo.
Elly Schlein, ex europarlamentare e ora consigliere regionale in Emilia-Romagna, ci potrebbe provare. Con le sue oltre 22mila preferenze ottenute per la sua lista “Coraggiosa” si è conquistata l’attenzione di quotidiani nazionali ed internazionali, dei principali talk show televisivi.
Mentre si estingue lentamente la vecchia sinistra figlia del pensiero socialista del Novecento, ne nasce una nuova, giovane ed ecologista.
Elly Schlein ha intercettato questa onda verde che attraversa l’Europa: parla di sviluppo sostenibile e di lotta alle disuguaglianze.
Forse da qui può nascere una nuova classe politica meno ancorata al vecchio mondo, e più collegata alle grandi sfide del futuro.

Ascolta l’analisi di Daniele Bianchessi

Leave a Reply