VISTI UMANITARI EUROPEI, ELLY SCHLEIN (POSSIBILE/S&D): “SEGNALE IMPORTANTE DA STRASBURGO, IPOCRITA VOTO CONTRARIO DELLA LEGA”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

COMUNICATO STAMPA

VISTI UMANITARI EUROPEI, ELLY SCHLEIN (POSSIBILE/S&D): “SEGNALE IMPORTANTE DA STRASBURGO, IPOCRITA VOTO CONTRARIO DELLA LEGA”.

Strasburgo, 11 settembre 2018 – “Un voto che potrebbe portare ad una vera svolta nel sistema di asilo, consentendo agli Stati membri di rilasciare visti umanitari già nei consolati o nelle ambasciate, di modo che chi chiede protezione internazionale possa venire a vedere esaminata la sua richiesta in Europa senza mettere ulteriormente a rischio la propria vita con viaggi pericolosissimi e senza arricchire i trafficanti”.
Lo afferma l’europarlamentare di Possibile Elly Schlein, relatrice della riforma del regolamento di Dublino per il gruppo dei Socialisti e Democratici, in merito al voto di oggi in plenaria sulla proposta di istituire dei visti umanitari europei, approvata a larghissima maggioranza con 429 voti favorevoli e 194 contrari, con il quale il Parlamento europeo chiede alla Commissione di presentare entro il 31 marzo 2019 una proposta legislativa.

“Purtroppo – aggiunge Schlein -, come già per Dublino, è emersa anche in questo voto tutta l’ipocrisia della Lega: il Ministro Salvini è andato qualche settimana fa a farsi il solito selfie con chi è arrivato in Italia con i corridoi umanitari, ma oggi la Lega ha votato contro la proposta di visti umanitari europei che permetterebbe soluzioni simili in tutti i Paesi UE. Dalle parole ai fatti c’è un abisso”. 

“Un segnale importante da Strasburgo – continua la europarlamentare di Possibile -, esattamente come per il voto sulla riforma di Dublino, il Parlamento europeo dimostra di voler dare risposte comuni europee a sfide europee, rispettando pienamente il proprio mandato per l’attuazione di un sistema comune d’asilo basato sulla solidarietà e la condivisione equa delle responsabilità tra tutti gli Stati membri. Un segnale chiaro alla Commissione europea e ai governi europei chiusi nei loro egoismi. 
Vie legali e sicure di accesso ai Paesi dell’Unione costituiscono l’unico modo efficace per contrastare i trafficanti di esseri umani ed evitare le tragiche morti nel Mediterraneo. Speriamo che la Commissione e il Consiglio raccolgano finalmente la forte indicazione del Parlamento. È incredibilmente ipocrita – conclude Schlein – prendersela con chi arriva irregolarmente nella totale assenza di alternative legali, anche per chi fugge dalla guerra”.



  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •